Autore Topic: CNDA - IL MITICO PRESIDENTE NON LE MANDA A DIRE  (Letto 1784 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline VENDETTA

  • Staff Redazione
  • Azzurro
  • *
  • Post: 1792
CNDA - IL MITICO PRESIDENTE NON LE MANDA A DIRE
« il: Luglio 29, 2014, 23:32:44 pm »
http://www.cnda.it/1_GIORNALINO/COPIE_PDF/Avancarica%20Magazine%202-2014.pdf

Il Presidente CNDA è Gentile solo di cognome per il resto mena botte come un forsennato.

Leggete la lelazione del Presidente è nelle prime pagine.


Questo è un passaggio:

".......Scusate ma mi rimangono alcuni dubbi:
Come mai il clan Ferrerio si è così avvicinato all’UITS quando negli anni precedenti ne sentivo di tutti i colori contro quest’ultima?
Come mai, essendo anche soci dell’Unione impegnati con cariche nel poligono di Somma Lombardo non hanno avuto la stessa indignazione, con conseguente raccolta di firme, nell’apprendere dalla trasmissione “REPORT” su RAI 3 andata in onda giorno 05 Maggio 2014 ore 21.00 in cui il giornalista metteva a conoscenza il telespettatore che un certo IARDELLA, già revisore dei conti della UITS, era stato condannato per usura aggravata?............"
« Ultima modifica: Luglio 29, 2014, 23:40:02 pm da VENDETTA »

Online gunny

  • MegaBoss
  • Azzurro
  • *****
  • Post: 2566
    • Alpinisusa.IT
Re:CNDA - IL MITICO PRESIDENTE NON LE MANDA A DIRE
« Risposta #1 il: Luglio 30, 2014, 12:37:13 pm »
sul "mitico presidente" avrei qualcosa di molto personale da osservare... la verità, forse, sta nel mezzo

Dopo aver letto tutto l'editoriale "sfogo" di Gentile, posso comprenderne lo scoramento, ma come prima riflessione mi vien da dire che probabilmente sta raccogliendo i frutti del suo seminato.

Le serpi in seno non mancano quasi mai, anche nelle migliori famiglie, mi risulta che in tanti ultimamente abbiano preso le distanze dalla politica del direttivo CNDA in carica, forse ci sono motivazioni che vanno oltre MLAIC o UITS... ma i panni sporchi è giusto lavarli in casa... affari loro...

In presenza di calunnie e/o insinuazioni pesanti si dimostra il contrario con le carte, nel caso, amorevolmente e in senso figurato, si prende a "calci in culo" il calunniatore per portarlo alla ragione, invitandolo al fair play facendo pubbliche scuse.
Se ciò non bastasse si potrebbe chiedere ai componenti della commissione disciplinare di una nota e familiare federazione qualche consiglio... loro saprebbero come agire anche per molto meno di una insinuazione arrivando a comminare sanzioni esemplari di gran lunga più pesanti delle insinuazioni stesse.
« Ultima modifica: Luglio 30, 2014, 12:38:57 pm da gunny »
--------------------------
a brusa suta l' Susa

Offline pratesi

  • Utente Certificato
  • Maestro
  • *
  • Post: 348
Re:CNDA - IL MITICO PRESIDENTE NON LE MANDA A DIRE
« Risposta #2 il: Luglio 30, 2014, 17:58:06 pm »
Condivido il pensiero di Gunny, anche se comprendo lo sfogo "polemico-infantile" di Gentile. Ma assumendo quell'incarico, senz'altro gravoso, non poteva sperare di avere sempre tutti dalla sua parte. Pio desiderio di tutti gli appassionati. Certo sarà bravo in molte cose, ma non nella ricerca di collaboratori validi. Errore che capita anche nelle migliori sezioni UITS.
Pratesi

Online gunny

  • MegaBoss
  • Azzurro
  • *****
  • Post: 2566
    • Alpinisusa.IT
Re:CNDA - IL MITICO PRESIDENTE NON LE MANDA A DIRE
« Risposta #3 il: Agosto 01, 2014, 10:02:00 am »
...Errore che capita anche nelle migliori sezioni UITS.
Pratesi

e chi le ha mai viste le "sezioni UITS"?!?

caro Pratesi, non per polemica ma se anche noi, miseri servi della gleba, cominciamo a parole a sostenere che esistono le sezioni UITS allora significa che il sadomasochismo ha raggiunto l'apice

le sezioni UITS non esistono! sono un falso ideologico perpetrato e voluto da chi ritiene che UITS rappresenti il TSN e che le sezioni TSN siano (o debbano diventare) emanazioni di UITS... nulla di più falso e fuorviante la legge (TUOM, testo unico ordinamento militare) dice cosa ben diversa

tornando invece su CNDA, e il suo presidente, forse è venuto anche per quella realtà il momento di tornare con i piedi per terra... andatevi a rileggere quanto scritto anche su questo forum qualche anno fa riguardo la questione MLAIC e campionato italiano

di certo gli astuti e forbiti consiglieri nazionali che hanno e stanno cercando la scalata al Mlaic continuano a non capire che il loro approccio alla questione è tra i più sbagliati che si potesse usare... ma anche la reazione Cnda non è certo stata da meno

con tutto il rispetto, ma alla fine di cosa parliamo in termini numerici? 200 appassionati tiratori o poco più...

sia da una parte che dall'altra se veramente si fosse mossi dalla passione per l'avancarica e da puro spirito sportivo forse non saremmo qui a discutere... così come purtroppo avviene per il benchrest e altre discipline non ISSF con un certo seguito a livello nazionale e/o internazionale

sono tutte componenti che meritano la stessa attenzione e adeguata promozione e valorizzazione, invece continuiamo ad assistere a scaramucce tra bambini capricciosi, talvolta a suon di carte di legali

e vogliamo continuare a chiamarlo sport?!?
--------------------------
a brusa suta l' Susa

Offline pratesi

  • Utente Certificato
  • Maestro
  • *
  • Post: 348
Re:CNDA - IL MITICO PRESIDENTE NON LE MANDA A DIRE
« Risposta #4 il: Agosto 03, 2014, 16:19:16 pm »
Brevemente per gunni:
d'accordo su quanto scrivi del CNDA e seguito.
Ovviamente non sono d'accordo su quanto scrivi sulle sezioni UITS.
Se i presidenti delle sezioni italiane di tiro a segno ( tutto minuscolo) continuano ad eleggere sempre lo stesso consiglio, non posso certo oppormi io. Posso pensarla in altro modo, ma non ho niente in mano per oppormi. Il mio voto in sezione vale UNO e il presidente è sempre lo stesso da anni. In alcuni casi da decenni. Più che esprimere il mio parere non posso fare. Per cui falso ideologico o no, la realtà è questa. Hai da suggerire metodi diversi ?
Pratesi

Online gunny

  • MegaBoss
  • Azzurro
  • *****
  • Post: 2566
    • Alpinisusa.IT
Re:CNDA - IL MITICO PRESIDENTE NON LE MANDA A DIRE
« Risposta #5 il: Agosto 03, 2014, 18:58:06 pm »
Brevemente per gunni:
d'accordo su quanto scrivi del CNDA e seguito.
Ovviamente non sono d'accordo su quanto scrivi sulle sezioni UITS.
Se i presidenti delle sezioni italiane di tiro a segno ( tutto minuscolo) continuano ad eleggere sempre lo stesso consiglio, non posso certo oppormi io. Posso pensarla in altro modo, ma non ho niente in mano per oppormi. Il mio voto in sezione vale UNO e il presidente è sempre lo stesso da anni. In alcuni casi da decenni. Più che esprimere il mio parere non posso fare. Per cui falso ideologico o no, la realtà è questa. Hai da suggerire metodi diversi ?
Pratesi

se la metti così non posso darti torto ;)
anzi è evidente che appellare le sezioni TSN come sezioni UITS non è certo un complimento

il fatto è che qualcuno potrebbe crederci... ma forse è il male minore
--------------------------
a brusa suta l' Susa

Offline Franz

  • Avancarica
  • Azzurro
  • ***
  • Post: 806
Re:CNDA - IL MITICO PRESIDENTE NON LE MANDA A DIRE
« Risposta #6 il: Agosto 04, 2014, 15:14:35 pm »
Cari amici, mi ero proposto di non intervenire sull'argomento Gentile e Presidenza CNDA visto che la faccenda è ancora in "itinere" e lungi da essere in via di soluzione, ma leggendo lo stralcio  della relazione che presentò all'Assemblea,  pubblicato da Vendetta, voglio fare alcune precisazioni. Per prima cosa non posso certo condividere l'impostazione data alla stessa, attaccare alcune persone che per motivi vari sono dissidenti senza entrare nel merito dei problemi reali che pesano su CNDA è solo "uno sfogo polemico-infantile" come lo ha definito Pratesi e non fa certo onore a chi doveva presentarsi in Assemblea con proposte e programmi, mancando così di rispetto alla stessa Assemblea. Il "clan Ferrerio", che per tanti anni è stato una delle più solide stampelle della presidenza Gentile, sino alle ultime elezioni del 2013 quando venne tradito dallo stesso che "uccellò" Antonio Ferrerio per ingraziarsi il voto Andriottiano (Cristo si fermò a Eboli ma Giuda scese alla fermata precedente, Pontecagnano) imputava a Gentile un danno all'immagine della CNDA per la condanna ricevuta, come presidente della stessa, per diffamazione ai danni di Finokki, e per questo ne chiedeva le dimissioni con una raccolta di firme per presentare una mozione di sfiducia, tutto alla luce del sole e nell'ambito dello Statuto CNDA. Punto.       

Offline VENDETTA

  • Staff Redazione
  • Azzurro
  • *
  • Post: 1792
Re:CNDA - IL MITICO PRESIDENTE NON LE MANDA A DIRE
« Risposta #7 il: Agosto 04, 2014, 18:00:43 pm »
http://www.cnda.it/1_GIORNALINO/COPIE_PDF/Avancarica%20Magazine%202-2014.pdf

Il Presidente CNDA è Gentile solo di cognome per il resto mena botte come un forsennato.

Leggete la lelazione del Presidente è nelle prime pagine.


Questo è un passaggio:

".......Scusate ma mi rimangono alcuni dubbi:
Come mai il clan Ferrerio si è così avvicinato all’UITS quando negli anni precedenti ne sentivo di tutti i colori contro quest’ultima?
Come mai, essendo anche soci dell’Unione impegnati con cariche nel poligono di Somma Lombardo non hanno avuto la stessa indignazione, con conseguente raccolta di firme, nell’apprendere dalla trasmissione “REPORT” su RAI 3 andata in onda giorno 05 Maggio 2014 ore 21.00 in cui il giornalista metteva a conoscenza il telespettatore che un certo IARDELLA, già revisore dei conti della UITS, era stato condannato per usura aggravata?............"



RIPETIZIONE POST.


Senza voler entrare nel merito delle questioni CNDA credo che gli iscritti CNDA/UITS dovrebbero

rispondere a Gentile sul punto e per par conditio, se è giusto fare una raccolta firme per mozione di sfiducia al

presidente CNDA, attivarsi con una raccolta firme contro i dirigenti UITS condannati.

Nelle sezioni ce ne sono tanti condannati tutti lo sanno e nessuno fiata.
« Ultima modifica: Agosto 04, 2014, 18:04:21 pm da VENDETTA »

Offline diamante

  • Utente Certificato
  • Azzurro
  • *
  • Post: 2448
Re:CNDA - IL MITICO PRESIDENTE NON LE MANDA A DIRE
« Risposta #8 il: Agosto 05, 2014, 06:56:12 am »
Cari amici, mi ero proposto di non intervenire sull'argomento Gentile e Presidenza CNDA visto che la faccenda è ancora in "itinere" e lungi da essere in via di soluzione, ma leggendo lo stralcio  della relazione che presentò all'Assemblea,  pubblicato da Vendetta, voglio fare alcune precisazioni. Per prima cosa non posso certo condividere l'impostazione data alla stessa, attaccare alcune persone che per motivi vari sono dissidenti senza entrare nel merito dei problemi reali che pesano su CNDA è solo "uno sfogo polemico-infantile" come lo ha definito Pratesi e non fa certo onore a chi doveva presentarsi in Assemblea con proposte e programmi, mancando così di rispetto alla stessa Assemblea. Il "clan Ferrerio", che per tanti anni è stato una delle più solide stampelle della presidenza Gentile, sino alle ultime elezioni del 2013 quando venne tradito dallo stesso che "uccellò" Antonio Ferrerio per ingraziarsi il voto Andriottiano (Cristo si fermò a Eboli ma Giuda scese alla fermata precedente, Pontecagnano) imputava a Gentile un danno all'immagine della CNDA per la condanna ricevuta, come presidente della stessa, per diffamazione ai danni di Finokki, e per questo ne chiedeva le dimissioni con una raccolta di firme per presentare una mozione di sfiducia, tutto alla luce del sole e nell'ambito dello Statuto CNDA. Punto.     

http://www.miti3000.eu/pagine-dei-collaboratori/815-il-pomo-della-discordia.html


Morale della Favola:"La dea Federale incazzata per non esser stata invitata alla Tavola MLAIC ha avvelenato l'ambiente della CNDA".
CIAO

Offline diamante

  • Utente Certificato
  • Azzurro
  • *
  • Post: 2448
Re:CNDA - IL MITICO PRESIDENTE NON LE MANDA A DIRE
« Risposta #9 il: Giugno 06, 2019, 21:51:44 pm »
Il Mitico Gentile ex Prsidente CNDA è fermo sulla sponda.
Gli Europei di Avancarica previsti a Parma,forse, son saltati.
Investita la sezione di Torino, gestita Torinesi Falsi e Cortesi, dove una giacca Rossa in giro con pullmann della "Tradi Tour francese" ne avevao leggittimato il campionato con un colpo di mano, ora a sua sua volta è stata tradita dai Torinesi ai quali si era rivolta per rimpiazzare Parma.
Torino con le pressioni di Roma padrona s'è tirata indietro.
Il problema di fondo è che i presisenti delle sezioni non dovrebbero rivestire incarichi nella CNDA o nelle Compagnie d' vancarica.
Ciao
« Ultima modifica: Giugno 06, 2019, 21:55:59 pm da diamante »