Autore Topic: ELEZIONI CONI e MANCATA RATIFICA UITS  (Letto 85187 volte)

Valerio, diego, aquila calva e 24 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline diamante

  • Utente Certificato
  • Azzurro
  • *
  • Post: 2458
Re:ELEZIONI CONI e MANCATA RATIFICA UITS
« Risposta #540 il: Agosto 14, 2019, 10:24:38 am »
Pubblicato ieri sulla pagina FB di Attilio Fanini.


Sto pensando alla lettera del Presidente Obrist
Datata 12.08.2019
e credevo che questa farsa dell'85% o 92% fosse finita ma a quanto pare sembra proprio di no. Questo mio pensiero Presidente Obrist , espresso in formula pubblica, vorrebbe farle capire che la partita è  chiusa , male per Lei ma con il pieno rispetto delle leggi vigenti. 2 MANDATI E STOP.
Si metta il cuore in pace e lasci correre la UITS verso le dovute elezioni che oltre che personalmente e direttamente ripeto anche in questo mio pensiero al Commissario, elezioni che ridarebbero la giusta e dovuta governance ad un Ente bloccato dalle sue inutili operazioni di ricorso che si sapevano perdenti sin dal primo momento.
Lasci perdere , come si può intravvedere, il Consigloo di Stato , paralizzerebbe ancora  per no so quanti anni l'Ente e la Federazione sportiva con enormi rischi per essa stessa  e le Sezioni.
Questo è  il mio pensiero che forse è  anche di tanti altri che non hanno il coraggio di esprimerlo ma che invece le diranno , fai bene, hai ragione per poi deluderla alle spalle. Basta,
Malago' ,  Soro , Ministro Trenta , ridate a UITS  la sua dignità  se avete un briciolo di coscienza.
L'ex V.P.V. UITS.

Online gunny

  • MegaBoss
  • Azzurro
  • *****
  • Post: 2581
    • Alpinisusa.IT
Re:ELEZIONI CONI e MANCATA RATIFICA UITS
« Risposta #541 il: Agosto 14, 2019, 11:28:09 am »
Caro ex-presidente Obrist,
rassegnati, il tuo ricorso è stato RESPINTO!

Hai detto bene: 30 pagine di sentenza! Ora i tuoi avvocati, che sicuramente sono anche lautamente pagati, potranno farsi una ragione del fatto che l'ente pubblico prevale sulla federazione sportiva.

La sentenza, per chi ha voglia e tempo di leggerla non lascia scampo, è talmente articolata e precisa che ricorrervi sarebbe un ulteriore e gravoso dispendio di denari che forse sarebbe meglio godersi per una sana e tranquilla vita da pensionato. Inoltre sarebbe un altro modo per mettere il bastone tra le ruote al commissario, che se ha lavorato con il freno a mano tirato, è stato proprio a causa di questo insensato ricorso. Se proprio ti avanza del tempo puoi tornare al fare il "volontario" presso la sezione di Caldaro, che non pare versare in buone acque... oppure puoi dedicarti ai tuoi amati Shutzen.

Qualcuno potrebbe dire che il tuo ricorso è stato un atto legittimo, ma il problema era a monte, è anche qui la sentenza l'ha detto chiaramente, tu, Suss, Mariani, Finocckì, Sportelli, Di Rocco e Santoro non avreste dovuto candidarvi, o meglio la commissione elettorale, se i componenti avessero avuto le competenze dei togati del TAR Lazio, non avrebbero dovuto accettare le vostre candidature.

In buona sostanza, il problema non è tanto il tuo ricorso, giustamente RESPINTO, bensì le ELEZIONI INVALIDATE con la nomina di un commissario straordinario.
E siccome le elezioni sono state invalidate, te lo chiedo per piacere, smettila con il continuo ritornello sul 92%, l'85% ecc... perché ormai rischi di essere ridicolo.

Le elezioni sono state una FARSA, tra l'altro con costi esorbitanti (oltre 80.000 euro!!!).

Quindi qualcuno ora dovrà dirci come mai sono state accettate le candidature di chi, stando alla legge, non si sarebbe dovuto candidare!!!

Chi ha fatto danno alla UITS, non sono di certo né la sig.ra Visconti, né il sig. Marisei, oppure il sig. Fanini, tanto meno il sig. Adorni, che invece hanno combattuto senza tregua contro l'ingiustizia. E se non fosse stato per la loro pervicacia e convinzione ora non si sarebbe qui a discutere della tua, e del consiglio con te eletto, defenestrazione!

Tempo fa con una lettera a tua firma su carta intestata UITS, al sig. Adorni fu dato dell'ignorante perché a detta tua/vostra egli sosteneva delle tesi giuridiche "improvvisate" imparate su internet e che chi lo consigliò non conosceva il diritto sugli enti pubblici... peccato che proprio i togati del TAR hanno confermato tutto, ma proprio tutto quello che Adorni, e chi l'ha consigliato, ha sempre sostenuto... con una sola differenza: spese per consulenze legali di Adorni "ZERO", tu invece qualche decina di migliaia di euro li ha sicuramente spesi... e forse non hai finito, perché magari ora qualcuno potrebbe anche chiedere la valutazione delle tue dichiarazioni in sede sportiva per aver ingiuriato diversi tesserati.

Chi ha cercato di demolire l'avversario tramite la denigrazione pubblica, non è stato nessuno di coloro che avete messo all'indice definendoli "nemici del sistema", ma sei stato proprio TU, e l'hai fatto con diversi scritti a tua firma, sia su carta intestata federale che con email di massa rivolte a presidenti sezionali e dirigenti e rappresentati dei comitati regionali.

Anche, dopo il voto del 2016, nel tuo discorso prima di aprire le votazioni dei consiglieri, e nel discorso di alcuni consiglieri come ad esempio quello del sig. Finocckì, sono state usate parole di disprezzo per i candidati opposti alla vostra fazione.

Secondo te se qualcuno avesse provato ad opporsi alla vostra candidatura pensi sarebbe stato preso in considerazione? Certo che no!!! perché è di tutta evidenza che il limite dei mandati fosse ampiamente stato raggiunto, ma un'errata e forzata interpretazione dello statuto UITS e l'aver anteposto la federazione all'ente pubblico, ha creato il "mostro" che abbiamo visto, e che finalmente il TAR ha RESPINTO.

La tua presenza in ESC, così come quella del sig. Finocckì, è illegittima quanto inopportuna, così come è inopportuna la tua presenza in sede federale, a meno che non si tratti di un passaggio per un saluto ai tuoi ex-collaboratori.

E è ancor più inopportuno, se mai esistesse, il credito che qualche presidente di sezione, o dirigente di comitato regionale ti dovesse riservare.

Tu e i consiglieri pseudo-eletti, non candidabili per superamento dei mandati (ora trombati), siete la causa di questa situazione. Avete preso in giro la fiducia di centinaia di persone e migliaia di tesserati, oltre ad aver illuso anche gli altri candidati legittimamente eletti.



--------------------------
a brusa suta l' Susa

Offline Enyo

  • Esordiente
  • *
  • Post: 32
Re:ELEZIONI CONI e MANCATA RATIFICA UITS
« Risposta #542 il: Agosto 15, 2019, 11:14:37 am »
Ci sarebbe molto da dire sull’ex presidente ma la cosa più ridicola è che, trattandosi di un tesserato, si potrebbe andare incontro a sanzioni federali, anche se si dice la verità. Cercherò, pertanto di limitarmi a dare la mia descrizione di come funzionava il sistema, premessa utile a comprendere il perché degli alti consensi ottenuti alle ultime elezioni. Quelle percentuali rappresentano quella che si definisce maggioranza bulgara che è, sì schiacciante, ma non supportata da un libero dibattito. E possono essere diversi i casi che lo dimostrano.
Quei voti derivano principalmente dalla perenne campagna elettorale dell’ex presidente. Faceva una propaganda da far invidia a diversi leader di Paesi sottosviluppati.
Basta sfogliare la rivista che la federazione fino a qualche anno fa inviava a casa dei tesserati, per rendersi conto che conteneva un numero di foto del presidentissimo impressionante. Era presente ovunque, apparendo anche dove sarebbe stato poco opportuno apparire. Presenziava ad inaugurazioni di sezioni, di nuove linee, a gare ufficiali, a trofei ufficiosi o a sagre paesane, tanto da lasciarmi il dubbio non avesse qualche fratello gemello. Ed ovunque andasse portava regali.
In alcuni casi, in pieno stile “laurista”, il regalo era rappresentato da una scarpa, scarpa che, però, dava nelle parti meno nobili del corpo, dei nemici degli amici. Commissariando le sezioni, talvolta in maniera del tutto arbitraria e per tempi indefiniti, grazie al sistema dei nuovi ingressi, rinsanguava l’elettorato attivo che portava sempre acqua al suo mulino.
Non so quanto cambierà ora. Intanto lui non ci sarà più e farebbe bene a non dimenarsi troppo, perché quando si ha una spada conficcata nel fianco agitandosi si rischia che la lama passi da parte a parte.
Ma una cosa mi aspetto da chi verrà. Che cessi quel ridicolo sistema di propaganda cui l’ex presidente era il massimo esponente: le foto dei dirigenti accanto al podio.
Sono i tiratori i vincitori delle medaglie, lascino a loro il giusto spazio e la piena visibilità.
I presidenti di sezione, i delegati regionali o i dirigenti federali inizino a mettersi da parte.
Basterebbe leggere il libro di Campriani per comprendere che in quei risultati c’è davvero molto poco da parte dell’apparato. Buon Ferragosto a tutti.

Offline 10x

  • 1° Classe
  • ***
  • Post: 131
Re:ELEZIONI CONI e MANCATA RATIFICA UITS
« Risposta #543 il: Agosto 15, 2019, 11:18:51 am »
 ;D ;D ;D ;D ;D
 :o :o :o :o :o

Online gunny

  • MegaBoss
  • Azzurro
  • *****
  • Post: 2581
    • Alpinisusa.IT
Re:ELEZIONI CONI e MANCATA RATIFICA UITS
« Risposta #544 il: Agosto 15, 2019, 20:00:33 pm »
Ci sarebbe molto da dire sull’ex presidente ma la cosa più ridicola è che, trattandosi di un tesserato, si potrebbe andare incontro a sanzioni federali, anche se si dice la verità. Cercherò, pertanto di limitarmi a dare la mia descrizione di come funzionava il sistema, premessa utile a comprendere il perché degli alti consensi ottenuti alle ultime elezioni. Quelle percentuali rappresentano quella che si definisce maggioranza bulgara che è, sì schiacciante, ma non supportata da un libero dibattito. E possono essere diversi i casi che lo dimostrano.
Quei voti derivano principalmente dalla perenne campagna elettorale dell’ex presidente. Faceva una propaganda da far invidia a diversi leader di Paesi sottosviluppati.
Basta sfogliare la rivista che la federazione fino a qualche anno fa inviava a casa dei tesserati, per rendersi conto che conteneva un numero di foto del presidentissimo impressionante. Era presente ovunque, apparendo anche dove sarebbe stato poco opportuno apparire. Presenziava ad inaugurazioni di sezioni, di nuove linee, a gare ufficiali, a trofei ufficiosi o a sagre paesane, tanto da lasciarmi il dubbio non avesse qualche fratello gemello. Ed ovunque andasse portava regali.

In alcuni casi, in pieno stile “laurista”, il regalo era rappresentato da una scarpa, scarpa che, però, dava nelle parti meno nobili del corpo, dei nemici degli amici.

Commissariando le sezioni, talvolta in maniera del tutto arbitraria e per tempi indefiniti, grazie al sistema dei nuovi ingressi, rinsanguava l’elettorato attivo che portava sempre acqua al suo mulino.
Non so quanto cambierà ora. Intanto lui non ci sarà più e farebbe bene a non dimenarsi troppo, perché quando si ha una spada conficcata nel fianco agitandosi si rischia che la lama passi da parte a parte.

Ma una cosa mi aspetto da chi verrà. Che cessi quel ridicolo sistema di propaganda cui l’ex presidente era il massimo esponente: le foto dei dirigenti accanto al podio.
Sono i tiratori i vincitori delle medaglie, lascino a loro il giusto spazio e la piena visibilità.
I presidenti di sezione, i delegati regionali o i dirigenti federali inizino a mettersi da parte.
Basterebbe leggere il libro di Campriani per comprendere che in quei risultati c’è davvero molto poco da parte dell’apparato. Buon Ferragosto a tutti.

Gentile Enyo,
innanzi tutto ricambiamo i tuoi graditi auguri, e che dire di più?!!  :o :o :o

Però di una cosa possiamo essere grati al sig. Obrist, ex-presidente UITS, con il suo ricorso ha finalmente permesso di fare chiarezza, in mezzo a tutte le bugie che negli ultimi 12 anni ci siamo sentiti raccontare... e alle quali molti forse hanno veramente creduto...  ???

Se cominciamo dai tre anni del suo primo mandato senza presentare un bilancio, perché proprio secondo Obrist & c. non era un obbligo, per passare al riordino con uno statuto che ha cercato di scippare la funzione pubblica alle sezioni, per volgere alla storiella delle agibilità dei poligoni che sempre il TAR Lazio nel 2015 ha chiarito che UITS non era competente, fino a quest'ultima della non applicabilità del limite dei mandati... e ci limitiamo solo a questioni macroscopiche, perché altrimenti ne uscirebbe un romanzo!!!  8)

Ma forse ora più che mai, è palese che il sig. Obrist e chi ha fatto parte dei suoi CD dal 2004 al 2016, è quanto meno definibile incompetente per le "cagate pazzesche" di fantozziana memoria di cui sopra, che di fatto hanno comportato anche esorbitanti spese a danno delle sezioni e dei tesserati, fatta eccezione per Attilio Fanini che si è dimesso, non appena ha capito che l'arrosto era solo fumo.

Purtorppo nelle mie orecchie ecceggiano ancora i soliti refrain di tanti presidenti di sezione, come ad esempio "fare la guerra a UITS è una battaglia contro i mulini a vento...", "è inutile protestare perché nessuno li tocca...", ecc... che di fronte alle "cagate pazzesche" sopra citate, hanno preferito fare gli struzzi...

Bene, alla luce dei fatti incontrovertibili, ora mi auguro anche io che questa sia l'occasione per il ravvedimento, e che nessuno, ripeto NESSUNO, dei personaggi che hanno occupato le poltrone di consigliere con sig. Obrist come presidente, venga mai più rieletto, perché sono tutti parimenti responsabili, visto che nessuno di loro, a parte Fanini appunto, ha mai avuto il coraggio di denunciare e/o opporsi a quel regime.

Ora non c'è più alcun motivo per avere paura, per le ritorsioni disciplinari post-elettorali!!!
« Ultima modifica: Agosto 15, 2019, 20:30:30 pm da gunny »
--------------------------
a brusa suta l' Susa

Online armageddon

  • Maestro
  • ****
  • Post: 430
Re:ELEZIONI CONI e MANCATA RATIFICA UITS
« Risposta #545 il: Agosto 15, 2019, 21:46:05 pm »
comunque anche con l'avvento del commissario il sottobosco è rimasto sempre lo stesso,i nomi dei componenti delle commissioni son sempre i soliti,di questa continuità dobbiamo liberarci

Online VENDETTA

  • Staff Redazione
  • Azzurro
  • *
  • Post: 1812
Re:ELEZIONI CONI e MANCATA RATIFICA UITS
« Risposta #546 il: Agosto 16, 2019, 15:05:02 pm »
https://www.secoloditalia.it/2019/08/alto-adige-blitz-anti-italiano-degli-schuetzen-fdi-sono-pericolosi-vanno-fermati/



Alto Adige, blitz anti-italiano degli Schuetzen. FdI: “Sono pericolosi, vanno fermati”

venerdì 16 agosto 14:11 - di Penelope Corrado

«Presenterò denuncia formale per sabotaggio presso le autorità già in giornata perché sia accertata la responsabilità nella grave manomissione della segnaletica stradale in provincia di Bolzano da parte degli Schuetzen ma soprattutto sul grado di pericolosità sociale di questa vera e propria organizzazione con struttura paramilitare». Così Alessandro Urzì, consigliere regionale e provinciale di Fratelli d’Italia, denunciando quanto accaduto in queste ore.


Nella loro protesta gli Schuetzen hanno coperto la scritta tedesca su 600 cartelli stradali dell’Alto Adige attaccandoci sopra un messaggio in tedesco. «Deutsch nicht amtlich seit 97 Jahren», si legge sui cartelli, ovvero «il tedesco non è più ufficiale da 97 anni». La protesta «contro l’ingiustizia iniziata nel 1922», sottolineano gli Schützen arriva nel giorno dell’anniversario della nascita di Ettore Tolomei, l’autore del programma che prevedeva l’assimilazione e l’italianizzazione dell’Alto Adige e del prontuario dei toponomi altoatesini tradotti dal tedesco in italiano.

Fratelli d’Italia: “La tolleranza verso Schuetzen deve cessare”
«La tolleranza deve cessare – prosegue Urzì nella sua nota – la connivenza fra settori della politica “in giacca e cravatta” e “tiratori scelti” deve terminare. Se non fosse grave, calata in una situazione delicata come quella altoatesina, sarebbe ridicola la messinscena orchestrata dagli Schuetzen. Il paradosso questa volta è la copertura delle denominazioni (udite udite) di lingua tedesca. Non le italiane come hanno sempre fatto. Una patetica messinscena che vorrebbe ancora una volta fare passare per vittime i carnefici. Perché gli Schuetzen lamentano che la toponomastica in lingua tedesca non è ancora ufficiale per legge. Vero: ma omettono di dirci che è proprio per colpa loro!»

«Da decenni –prosegue l’esponente di FdI – sono proprio loro assieme alla classe politica di governo della Provincia a rifiutare ogni legge che mettesse sullo stesso piano e riconoscesse lo stesso diritto (come riconosciuto peraltro dallo Statuto di Autonomia) ai nomi tedeschi ed a quelli italiani. Alla pari. Hanno rifiutato il diritto per tutti pretendendo una legge ( o una norma di attuazione) che sostituisse i nomi italiani con quelli tedeschi. Eh no, cari provocatori, questa è manipolazione volgare e inaccettabile delle cose».

Urzì: “Nessuno tocchi l’idea del bilinguismo”
«Ora però –prosegue Urzì – la pazienza deve avere un termine: nessuno tocchi l’idea stessa del bilinguismo facendo intendere che per avere nomi ufficiali in lingua tedesca si debba passare per la cancellazione di quelli italiani. Ci si attende però una reazione ferma e determinata da tutta la politica per i metodi squadristici al di fuori di ogni rispetto degli Schuetzen. Se una organizzazione paramilitare mobilita centinaia di persone in una notte per sabotare la circolazione stradale –conclude il consigliere regionale di FdI – questa organizzazione crea un grave danno alla sicurezza stradale ed alla cosa pubblica, non usa più metodi democratici e appare porsi fuori dalla legge e come tale va finalmente riconsiderata la sua legittimità».


Ma secondo voi le elezioni federali furono sabotate perchè manomesse gravemente?

 
« Ultima modifica: Agosto 16, 2019, 15:36:13 pm da VENDETTA »

Online gunny

  • MegaBoss
  • Azzurro
  • *****
  • Post: 2581
    • Alpinisusa.IT
Re:ELEZIONI CONI e MANCATA RATIFICA UITS
« Risposta #547 il: Agosto 16, 2019, 16:14:31 pm »
comunque anche con l'avvento del commissario il sottobosco è rimasto sempre lo stesso,i nomi dei componenti delle commissioni son sempre i soliti,di questa continuità dobbiamo liberarci

Concordo... ma attenzione che è già pronta una pletora di soggetti che calcano le sezioni da diversi lustri che intendono ripresentarsi con la verginità rifatta!!!

Assisteremo a scene pietose di soggetti che si sono comportati come le bandiere al vento, e che non hanno mai esitato a salire sul predellino del vincitore, anche se fino a poco prima gli si dichiaravano acerrimi nemici... di questi "voltagabbana" o "sciacalli" ne spunteranno a decine.
--------------------------
a brusa suta l' Susa

Online kricien

  • Esordiente
  • *
  • Post: 34
Re:ELEZIONI CONI e MANCATA RATIFICA UITS
« Risposta #548 il: Agosto 16, 2019, 17:00:06 pm »
 :( ...e nessuno potrà farci un bel niente...e poi ancora tutti qui ad inveire...per me il sistema va azzerato a tutti i livelli con i 2 mandati. Avevo poi una curiosità personale, ma i delegati provinciali e/o regionali come vengono nominati? e quanto rimangono al loro posto? No perchè in giro vedo le stesse facce con gli stessi incarichi, da anni e anni... :-X

Online gunny

  • MegaBoss
  • Azzurro
  • *****
  • Post: 2581
    • Alpinisusa.IT
Re:ELEZIONI CONI e MANCATA RATIFICA UITS
« Risposta #549 il: Agosto 16, 2019, 19:44:54 pm »
:( ...e nessuno potrà farci un bel niente...e poi ancora tutti qui ad inveire...per me il sistema va azzerato a tutti i livelli con i 2 mandati. Avevo poi una curiosità personale, ma i delegati provinciali e/o regionali come vengono nominati? e quanto rimangono al loro posto? No perchè in giro vedo le stesse facce con gli stessi incarichi, da anni e anni... :-X

I presidenti e i consigieri dei comitati regionali e delle delegazioni provinciali, in quanto organi UITS, per statuto sono eletti e pure per loro vige il limite dei mandati, perciò, vista la sentenza dei TAR ai prossimi rinnovi tutti coloro che hanno superato il secondo mandato non possono più ricandidarsi.

Come già detto, anche l'assemblea generale è un organo UITS, e i presidenti di sezione ne fanno parte... però siccome le sezioni non sono emanazioni di UITS, bensì entità autonome con un proprio statuto, la questione è più sottile e complessa... e infatti qualcuno ha già pronto il quesito per il Ministero della Difesa, si attendeva solamente l'esito del ricorso dell'ex-presidente.  ;D
--------------------------
a brusa suta l' Susa