Autore Topic: UITS COMMISSARIATA... Riprendiamoci il TIRO A SEGNO!!!  (Letto 31118 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online armageddon

  • Maestro
  • ****
  • Post: 424
Re:UITS COMMISSARIATA... Riprendiamoci il TIRO A SEGNO!!!
« Risposta #240 il: Gennaio 17, 2019, 13:00:26 pm »
Paroloni - Paroloni e Paroloni e sentanze da tutti ( quelli che pensano di sapere tutto ( I SAPIENTONI) e sparano C........e a non finire)   se fosse una carica retribuita e senza riscontri Penali ci sarebbe la fila per candidarsi a Presidente , ma guarda un pò quando ci sono le elezioni e si deve fare il rinnovo del Consiglio Direttivo nessuno si fa avanti e dopo criticano tutto e tutti.

come non darti ragione,si fa fatica a candidare un semplice consigliere(poichè qualcuno vorrebbe tornare a fare il socio)figurati fare il presidente,ovvio che parlo per la mia di sezione ,ma credo che parecchie di quelle molto piccole siano nelle stesse condizioni e forse solo grazie alla continuità di certi elementi restino ancora aperte

Offline gunny

  • MegaBoss
  • Azzurro
  • *****
  • Post: 2554
    • Alpinisusa.IT
Re:UITS COMMISSARIATA... Riprendiamoci il TIRO A SEGNO!!!
« Risposta #241 il: Gennaio 17, 2019, 13:27:56 pm »
Paroloni - Paroloni e Paroloni e sentanze da tutti ( quelli che pensano di sapere tutto ( I SAPIENTONI) e sparano C........e a non finire)   se fosse una carica retribuita e senza riscontri Penali ci sarebbe la fila per candidarsi a Presidente , ma guarda un pò quando ci sono le elezioni e si deve fare il rinnovo del Consiglio Direttivo nessuno si fa avanti e dopo criticano tutto e tutti.

Gentile Lucia,
ho sentito più volte questa affermazione, e credo che sostanzialmente il problema della responsabilità sia marginale se tutti si fosse più trasparenti.
Perché mai ci si dovrebbe candidare per qualcosa di "oscuro" e spesso gestito come proprietà privata?

Il problema, come già scritto, è l'assenza della cultura dell'alternanza, dell'essere al servizio e non padroni, e dell'essere trasparenti verso i soci.

Ma diciamocela tutta, forse non è il caso della tua sezione, ma in tante altre c'è chi ci "gioca" sul tema delle responsabilità e degli oneri, proprio per scoraggiare i potenziali candidati. Certamente ci sono responsabilità importanti, gravate dal fatto che si "impiegano" armi e si svolge un servizio pubblico, ma non può essere questo l'ostacolo.

Solo una corretta e trasparente informazione può permettere una presa di coscienza, proprio perché all'interno del sodalizio, questa responsabilità venga condivisa a turno da più soggetti. Il radicamento alla poltrona e la personalizzazione dei ruoli apicali sono i TUMORI delle associazioni e delle organizzazioni fatte di persone.

Bisogna mettere da parte la gelosia e la sete di potere o semplicemente il "voler essere" e il "sentirsi importanti" rispetto agli altri, perché se i soci vengono invitati a partecipare, condividere e conoscere la gestione dell'associazione, lasciando aperto l'accesso al CD anche a giovani e perché no giovanissimi, la responsabilità e il senso di appartenenza diverrebbero quasi immediata conseguenza.

Quello che non viene adeguatamente compreso da molti di coloro che entrano in CD è che ogni decisione che si assume sul come impiegare le risorse non è un atto di potere e/o di autonomia, bensì un'azione di condivisione preventiva con i soci nell'interesse del sodalizio.
« Ultima modifica: Gennaio 17, 2019, 13:52:49 pm da gunny »
--------------------------
a brusa suta l' Susa

Online biagio

  • Utente Certificato
  • Azzurro
  • *
  • Post: 1019
Re:UITS COMMISSARIATA... Riprendiamoci il TIRO A SEGNO!!!
« Risposta #242 il: Gennaio 17, 2019, 13:41:56 pm »
Paroloni - Paroloni e Paroloni e sentanze da tutti ( quelli che pensano di sapere tutto ( I SAPIENTONI) e sparano C........e a non finire)   se fosse una carica retribuita e senza riscontri Penali ci sarebbe la fila per candidarsi a Presidente , ma guarda un pò quando ci sono le elezioni e si deve fare il rinnovo del Consiglio Direttivo nessuno si fa avanti e dopo criticano tutto e tutti.

non so come funzioni nella sua sezione, ma non è certo una novità che in parecchie sezioni la lista dei candidati venga filtrata in maiera opportuna per evitare noie al conducente. Conducente di lungo percorso ovviamente e non è raro il caso in cui tutto il cd viene ricandidato con adeguati filtraggi e persuasioni. Non volgio fare nomi ovviamente e le chiedo di credermi sulla parola.

Online lucia

  • Esordiente
  • *
  • Post: 34
Re:UITS COMMISSARIATA... Riprendiamoci il TIRO A SEGNO!!!
« Risposta #243 il: Gennaio 17, 2019, 14:59:12 pm »
Sono pienamente d'accordo con voi ma non credo che siano tante le sezioni farlocche penso siano molte di più quelle Oneste e veritiere e (spero proprio) che sia cosi. saluti a tutti

Offline VENDETTA

  • Staff Redazione
  • Azzurro
  • *
  • Post: 1775
Re:UITS COMMISSARIATA... Riprendiamoci il TIRO A SEGNO!!!
« Risposta #244 il: Gennaio 17, 2019, 15:00:28 pm »

Offline diamante

  • Utente Certificato
  • Azzurro
  • *
  • Post: 2441
Re:UITS COMMISSARIATA... Riprendiamoci il TIRO A SEGNO!!!
« Risposta #245 il: Gennaio 17, 2019, 16:22:59 pm »
http://aic.camera.it/aic/scheda.html?core=aic&numero=3/00495&ramo=SENATO&leg=18

Ahhaaaaiiiaaa!

Notizia un pò bruttina per Obrist.


E che reazione.
Ciao

 
https://www.vfraviation.it/notizie/caso-leoni-la-sentenza-del-tar-il-commissariamento-e-una-lettera-dellaero-club-milano/


Caso Leoni: La sentenza del TAR, il commissariamento e una lettera dell’Aero Club Milano
10/01/2019

Lo scorso 4 gennaio è stata pubblicata la sentenza del TAR del Lazio sul ricorso presentato da Giuseppe Leoni, ex presidente ed ex commissario dell’Aero Club d’Italia, sentenza che solo in parte accoglie il ricorso, avendo come base un parere dell’Avvocatura dello Stato, a dir poco “debole”, sulla non cumulabilità ai fini del computo dei mandati delle cariche di Commissario e Presidente che Leoni ha mantenuto per quasi 17 anni ininterrottamente. Ma il TAR ha comunque ritenuto che “non fosse presentabile” un ex presidente condannato in primo grado a tre anni di reclusione, 80.000 euro di multa e interdizione perpetua dai pubblici uffici per il reato di peculato commesso proprio in veste di presidente AeCI, per questo sospeso per intervento del CONI (avendo perso i requisiti di onorabilità), sul quale pende un’attività istruttoria della Corte dei Conti per una serie di anomalie di gestione economica con un danno per l’Ente prefigurato nell’ordine del mezzo milione di euro. Il TAR non ha quindi reintegrato Leoni (di fatto non accogliendo il suo ricorso, se si eccettua un “contentino”), demandando le successive decisioni alla Presidenza del Consiglio dei ministri. La Presidenza del Consiglio, il Ministro dei Trasporti e alte cariche dello Stato stanno ricevendo in questi giorni lettere sdegnate da parte di tutti i piloti, gli appassionati e gli sportivi italiani: dopo otto mesi incredibili di lavoro serrato, di risanamento economico e di iniezione di fiducia nell’intero settore, che hanno visto protagonista il Commissario Straordinario Prof. Pierluigi Matera con risultati mai ottenuti nei decenni passati, tutti si chiedono come sia possibile anche solo immaginare di tornare alla avvilente “mala gestio” precedente. E tutti auspicano un immediato commissariamento affidato, aggiungiamo noi di VFR Aviation, proprio al Prof. Matera che è stato capace di tirare fuori il meglio dal mondo del volo e dallo sport dell’aria italiano. Pierluigi Matera ha ridato dignità a un Ente calpestato, ha dato speranza al mondo dello sport, ai piloti disabili che ora accedono al mondo paralimpico, agli stessi Aero Club federati che grazie all’accordo per l’accesso al credito sportivo possono finalmente investire nel loro futuro. Ha reso tutti noi orgogliosi di questo Aero Club d’Italia. Il suo mandato non è però finito: è necessario uno Statuto che prenda atto che il mondo del volo italiano ed europeo è cambiato, nelle modalità, nei numeri e nella rappresentatività. Il nuovo Statuto deve consegnare ai piloti e agli sportivi italiani un Aero Club al passo con i tempi. Questo il nostro pensiero sulla situazione dell’Aero Club d’Italia, pensiero che troviamo svolto in maniera esemplare nella lettera (allegata, vi invitiamo a leggerla) che l’Avv. Antonio Giuffrida, Presidente di AeC Milano, ha inviato al Ministro Toninelli, e che anticipa un’interrogazione parlamentare che sarà presentata a breve. La stessa lettera è stata poi sottoscritta e inviata al MIT da numerosi altri presidenti di Aero Club federati. Nel mondo del volo, che è un mondo pulito, non c’è più posto per gli impresentabili.
Rodolfo Biancorosso