CONCENTRICA - Forum di attualità e notizie sul Tiro a Segno (TSN)

Archivio dicussioni => Archivio elezioni CD UITS 2009 => Topic aperto da: Valerio - Ottobre 30, 2008, 17:09:19 pm

Titolo: 13 punti di OBRIST??
Inserito da: Valerio - Ottobre 30, 2008, 17:09:19 pm
Mi son letto i 13 punti del programma di Obrist su ARMI e TIRO.
Non c’è che dire nelle risposte il mio pensiero

1 > Regolamento di riordino che disciplinerà il Tiro a Segno e che, a cascata porterà i suoi effetti su UITS e sezioni con quadro normativo più chiaro e basi più solide.
Qui è chiaro, ammette che fino ad oggi non è stato fatto nulla, evidente che l’iter di approvazione del regolamento deve essere seguito DA CHI?, mi sembra che non conosca ancora cosa deve fare.

2 > Consolidamento dei rapporti con ministeri di riferimento nonché con i comandi militari per le questioni riguardanti le norme tecniche relative ai poligoni dai quali recentemente abbiamo ricevuto promettenti aperture.
Sbandierava che i contatti esistevano ORA NON PIU’?,
Perché non propone che i TSN ritornino ai Comuni come in origine, eliminiamo le lungaggini burocratiche, regolamenti e disposizioni irraggiungibili e inattuabili dei militari, a che cosa servono? Un poligono di tiro non può essere differente a un campo di tiro a volo o da un campo di tiro privato.
Qui c’è molto da lavorare.

3 > Rafforzamento della struttura centrale UITS in funzione di centro servizi alle sezioni efficiente ed efficace (ricordo che fino a non molti anni fa l’UITS contava 40 dipendenti, oggi ne conta la metà di cui il 50% totalmente nuovi.
Che si intende rafforzare la struttura, si vogliono assumere altri scalda sedie, il 50% sono nuovi  aggiungiamo incapaci, per una struttura efficace bastano bravi manager, non è il numero che conta ma la capacità di ognuno, 10 sono meglio di 50.

4 > Incrementare ancora la formazione dei nostri dirigenti e quadri, tecnici sportivi e istituzionali, con programmazione di aggiornamenti periodici.
Ad oggi nulla è stato fatto, oggi viene riproposto in campagna elettorale, si ritornerà a prenderli dall’estero perché non ci sono tecnici e nemmeno chi li può istruire in tal campo.

5 > Ampliare le prospettive di attività sportive e istituzionali delle sezioni che devono fronteggiare sempre più la concorrenza di altre strutture spesso meno competenti e attrezzate delle nostre
;D  ;D  ;D  ;D  ;D  ;D  ;D  ;D  >:(
Cosa intende su prospettive sportive, non accenno quelle istituzionali che hanno avuto un calo notevole, intende Avancarica - Benc Rest – Tiro Dinamico EX Ordinanza ecc. che sono riusciti a creare un malcontento generale e farle fuggire, ora pensano a rivederle con quali prerogative  con altri campionati antagonisti, MA CHI CI CREDE ANCORA.
Cosa intende fare per fronteggiare la concorrenza, le nostre sezioni, la maggior parte sono in stato di abbandono totale e grazie ai soci che riescono a rimanere aperte e non grazie alla UITS che fino ad oggi a versato contributi solo agli amici.
Le strutture spesso meno competenti e attrezzate sono governate da UITS e non quelle private (che devono sottostare a regolamenti di tipo imprenditoriali e di sicurezza), le entrate le gestiscono in loco senza dover versare affiliazioni e gabelle dove si possono esercitare molteplici tipi di tiro, a chi interra essere iscritti UITS?? Solo chi vuole partecipare al tiro accademico di competenza UITS………..

6 > Programmazione quadriennale per gli interventi economici alle sezioni finalizzati a interventi sui poligoni.
Se viene fatto come è stato fatto fino ad oggi, meglio lasciare stare contributi solo ai genuflessi.

7 > Assistenza legale alle sezioni sui problemi della sicurezza e dell’inquinamento acustico (in questo campo grazie ai nostri legali, si è ottenuta una favorevole sentenza che farà giurisprudenza).
Mi sembra troppo, ora se ne accorgono dopo che sono stati chiusi alcuni poligoni, e salvato uno, dove erano quando è stato chiesto aiuto.

8 > Promozione tra i giovani (dopo essere riusciti a rientrare nelle scuole) con programmi specifici e attività di comunicazione più intensa.
Non mi pronuncio, sonno anni che se ne sente parlare, nulla è stato fatto, possiamo solo ringraziare alcuni Presidenti di Sezione.

9 > Riguardo all’attività sportiva, si programmerà la stagione che porterà a Londra 2012 con un occhio attento al risultato di vertice che è mancato a Pechino: sarà intensificata la programmazione del centro federale interforze dei gruppi sportivi militari. Importante anche l’investimento sulle discipline non olimpiche.
Ancora militari, che ci fossero utili almeno per la certificazione dei poligoni, bravi tiratori ci sono nelle sezioni basterebbe aiutarli senza fargli indossare la divisa, se non si crea una squadra Londra=Pechino, le olimpiadi sono il risultato di tanto lavoro.
Le discipline non olimpiche le avete già INVESTITE, non ci crede più nessuno.

10 > Continuazione degli ottimi rapporti internazionali stabiliti in questo quadriennio.
Sia stati fortunati, con questa dirigenza, da qualche sedia è stata persa ISSF non è vero.

11> Bilancio sociale: ben noti fatti ci hanno impedito di attuarlo. L’idea di presentare una rendicontazione sociale che evidenzi la funzione che ha il nostro ente e le nostre sezioni potranno renderci più in linea e in sintonia con la società.
SORVOLO la storia è nota a tutti.

12 > Trarre delle nuove norme che scaturiranno dal regolamento di riordino spunti per un maggiore coinvolgimento dei comitati regionali come autonomia e competenze:
Solita suonata, dare potere ad altri vuol dire incordarsi da soli, non potrà mai realizzarsi.

13 > Incremento massiccio della comunicazione interna tra UITS e sezioni per renderle sempre più partecipi della vita dell’UITS.
Ora se appena una sezione osa scrivere qualcosa di non gradito alla dirigenza per via intranet gli viene tolta la connessione, forse intendeva ad altro, che darà modo ai censurati di vedersi riaperta la connessione.


Mi dispiace Presidente Obrist, in queste 13 proposte non vedo nulla di nuovo, vedo riproposto ciò che non è stato realizzato in questi anni.
Mi sarebbe piaciuto leggere: Abbiamo fatto questo; i risultati sono questi; ci ricandidiamo per portare a termine questi; siamo intenzionati a fare questo; ecc.  ma di QUESTO non c’è traccia.

Le discipline non olimpiche, o come le ha definite un consigliere - corpi estranei all'interno dei poligoni, tesserati UITS e devono soggiacere e rispettare le direttive UITS, hanno già scelto chi dovrà traghettare questa uits (minuscola) ad una UITS che raggruppa tutti i vari modi di tirare in sincronia con essa senza denigrarli.





 
Titolo: Re: 13 punti di OBRIST??
Inserito da: angelo - Ottobre 30, 2008, 23:47:14 pm
Mi permetto di dire solo una cosa:
HA UNA BELLA FACCIA TOSTA E UN CORAGGIO DA VENDERE A CONTINUARE A DIRE LE SOLITE COSE BEN SAPENDO DI MENTIRE E NON POTERLE A MANTENERE.
Solo qualche "sprovveduto" o "comprato" presidente di sezione potrà dare il suo voto a gente come questa. E' la stessa cosa che ha detto a Mirano ad alcuni presidenti di sezione del Veneto per ben due ore ininterrotte. Tutti zitti in queste due ore, ma dopo quando se nè andato, APRITI CIELOOOOOOOOOOOOOOOO.
Titolo: Re: 13 punti di OBRIST??
Inserito da: Ant - Ottobre 31, 2008, 10:42:02 am
Quello che mi stupisce ogni giorno di più è l'assoluta impotenza dei Presidenti TSN che non hanno il coraggio di dire quello che pensano di fronte a persone false e bugiarde, che hanno la capacità di nascondere il vero promuovendosi attraverso una campagna elettorale fatta di promesse irrealizzabili, perlomeno da coloro che nonostante un "rodaggio" di 4 anni non hanno prodotto alcun miglioramento... (dicesi Obrist & co.) >:(
E' possibile che ancora oggi, dopo 4 anni in cui la conoscenza circa la giurisprudenza che regola i rapporti tra TSN e UITS, grazie all'Avv. Mori, e ai pochi Presidenti che hanno avuto il coraggio di protestare, la massa dei presidenti pecore non abbia il coraggio di lamentarsi ad alta voce, ma lo faccia alle spalle di colui che non ha mantenuto una sola delle promesse elettorali fatte nel lontano 2004.....?  >:( >:( >:(

Speriamo che almeno a Mestre, con la complicità del voto segreto, abbiano il coraggio di esprimere il dissenso che non manifestano pubblicamente... ;D ;D ;D

Ant
Titolo: Re: 13 punti di OBRIST??
Inserito da: chebe - Novembre 01, 2008, 17:37:29 pm
Ma questi 13 punti pubblicati su armi e tiro sono sul numero di ottobre o novembre?

Saluti chebe
Titolo: Re: 13 punti di OBRIST??
Inserito da: Valerio - Novembre 01, 2008, 17:42:44 pm
Ma questi 13 punti pubblicati su armi e tiro sono sul numero di ottobre o novembre?

Saluti chebe

NOVEMBRE
Titolo: Re: 13 punti di OBRIST??
Inserito da: mimmo - Novembre 01, 2008, 23:05:27 pm
Anche in Puglia è arrivata una lettera alle sezioni, tramite intranet, in cui Obrist si auto osanna.
A parte il contenuto che fa ridere anche i più ingenui tra i Presidenti, non ne condivido la forma.
Intranet non si può utilizzare per la campagna elettorale, questo è uno tra i principi del regolamento che ha diramato l'Uits.
Per cose ben più serie, qualche Presidente che non ha condiviso le scelte della dirigenza è stato censurato.
Scusate ma c'è da fidarsi di Obrist se sui bilanci non rispetta lo statuto, sull'utilizzo dell'intranet e per i contributi non osserva i regolamenti?
Secondo voi è da votare Obrist che, prove alla mano, non rispetta lo statuto ed i regolamenti?
Saluti
Titolo: Re:13 punti di OBRIST??
Inserito da: mimmo - Gennaio 24, 2011, 14:52:31 pm


7 > Assistenza legale alle sezioni sui problemi della sicurezza e dell’inquinamento acustico (in questo campo grazie ai nostri legali, si è ottenuta una favorevole sentenza che farà giurisprudenza).
Mi sembra troppo, ora se ne accorgono dopo che sono stati chiusi alcuni poligoni, e salvato uno, dove erano quando è stato chiesto aiuto.





E' proprio jellato il programma federale, al punto 7 si contrappone una sentenza di cassazione:



Anche se le immissioni sonore rispettano il limite previsto dai regolamenti, potrebbero non essere lecite sotto il profilo civilistico. La soglia di tollerabilità dei rumori deve infatti essere letta insieme al principi di cui all’articolo 844 cc, norma che impone di contemperare le ragioni delle attività produttive con quelle della proprietà. Nel caso di specie, un avvocato, stanco di un condizionatore posizionato al confine tra l’appartamento dello stesso e un negozio, si era visto rigettare il suo ricorso, in primo e in secondo grado. Con la sentenza n. 939 del 2011 i giudici della Corte di Cassazione hanno spiegato invece che, pur rispettando la soglia della tollerabilità, le immissioni sonore potrebbero infatti non essere lecite: “mentre è senz’altro illecito - (Cass. 1418706) - il superamento dei limiti di accettabilità stabiliti dalle leggi e dai regolamenti che, disciplinando le attività produttive, fissano nell’interesse della collettività le modalità di rilevamento dei rumori e i limiti massimi di tollerabilità, l’eventuale rispetto degli stessi non può far considerare senz’altro lecite le immissioni, dovendo il giudizio sulla loro tollerabilità formularsi alla stregua di cui all’art. 844 c.c.” “Tale principio, - hanno continuato i giudici della seconda sezione civile - nella sua prima parte, si basa sull’evidente considerazione che, se le emissioni acustiche superano, per la loro particolare intensità e capacità diffusiva, la soglia di accettabilità prevista dalla normativa speciale a tutela di interessi della collettività, così pregiudicando la quiete pubblica, a maggior ragione le stesse, ove si risolvano in immissioni nell’ambito della proprietà del vicino, ancor più esposto degli altri, in ragione della vicinanza, ai loro effetti dannosi, devono per ciò solo considerarsi intollerabili ai sensi dell’art. 844 c.c. e pertanto illecite anche sotto il profilo civilistico. Tanto non è stato considerato dal giudice di merito, che pur avendo rilevato che al livello dei locali a piano terra dell’immobile erano percepibili emanazioni sonore eccedenti la soglia legale di accettabilità, ne ha escluso l’intollerabilità ex art. 844 c.c. , non tenendo conto che, pur nel “tempo strettamente necessario al loro utilizzo” (…), chi si trovasse in tali ambienti, sarebbe stato comunque esposto a rumori che, per presunzione normativa, devono comunque ritenersi nocivi per le persone, così finendo con il disattendere anche l’altro principio, ormai consolidato nella giurisprudenza di questa Corte, secondo cui, nel conflitto tra esigenze della produzione, pur contemplate dall’art. 844 c. c. ed il diritto alla salute, un’interpretazione costituzionalmente orientata della norma civilistica deve attribuire necessaria prevalenza al secondo, dovendo il limite della relativa tutela ritenersi intrinseco all’attività produttiva”.

Titolo: Re:13 punti di OBRIST??
Inserito da: gaggio - Gennaio 24, 2011, 16:55:45 pm
Sicuramente le ombre di questa gestione sono tante, le luci seppur ci sono sono poche.
Il periodo congiunturale visto i problemi del paese e europei sono tanti e influenzano tutti i settori, comunque l'impressione è che si stia sull'albero ad aspettare che passi qualcosa o qualcuno, forse questo momento potrebbe essere propizio per chi ha risorse (tempo, idee, competenza, voglia) di mettere su un gruppo ed iniziare a diffondere nuove idee.Forse mai come in questi anni la sfida sarà difficile, ma con l'organizzazione e la serietà ci potrà essere un buon risultato.
Un in bocca al lupo a chi non si farà risucchiare dal vortice del compromesso e del potere.
Gaggio
Titolo: Re:13 punti di OBRIST??
Inserito da: mimmo - Gennaio 24, 2011, 18:00:29 pm
Un in bocca al lupo a chi non si farà risucchiare dal vortice del compromesso e del potere.
Gaggio


Bravo Gaggio! ;)